IL MARKETING PER GLI STUDI MEDICI

(di Maresa Conte)

Il passaparola non può più essere l’unico strumento  per raggiungere il maggior numero di clienti. Bisogna imparare a utilizzare gli strumenti della rete per farsi trovare.

L’avvento di Internet ha completamente ribaltato il rapporto medico/paziente. Uno degli effetti più evidenti è che molte persone credono di avere competenze che in realtà non posseggono, solo perché possono fare ricerche online. Sebbene sia un aspetto fastidioso, questo fa capire quanto le persone facciano ricerche in Google. E spesso queste ricerche servono anche a trovare professionisti.

Gli strumenti che uno studio ha a disposizione possono sostanzialmente racchiudersi in 5 azioni.

impara a scattare foto in ambito professionale

I 5 PILASTRI DEL MARKETING MEDICO

1) SITO INTERNET

Un sito Internet è davvero importante per la reputazione online, se non fondamentale. Ma come deve essere un sito internet per studi medici per portare risultati?

1) Deve avere un curriculum dettagliato. Il potenziale paziente che lo leggerà deve capire di trovarsi di fronte ad una persona con esperienza nel suo campo e soprattutto affidabile.

2) Deve contenere articoli su temi specifici. Tenere un blog dove pubblicare articoli che parlano delle malattie che si è in grado di curare è un buon modo per farsi trovare dai potenziali pazienti che accusano determinati disturbi.

3) Deve disporre di una mappa con indicazioni stradali per raggiungere lo studio.

4) Deve avere una pagina di contatti in caso di problemi, attraverso il numero di cellulare o l’email

CAMPI DI APPLICAZIONE

Pensiamo ad un medico specialista in osteopatia. Un paziente ha una costola incrinata. Gli fa molto male, e deve trovare una soluzione. Così va a cercare su Google “dolore costola incrinata cosa fare”.

Nei risultati della ricerca trova un articolo dove descrive il problema e dà consigli utili per alleviare il dolore. Il lettore potrà applicare i consigli per trarne un beneficio.

Però, prima di farlo, il lettore del blog in cerca di benefici vuole essere sicuro che si tratti di una persona autorevole, e quindi leggerà il  curriculum, capendo se è davvero competente.

Applicherà i consigli che sono presenti nell’articolo e riuscirà ad alleviare il dolore… però rimarrà il problema da risolvere alla radice! Quindi non c’è dubbio: quando vorrà mettersi a posto quella costola incrinata che gli dà tanto fastidio, saprà a chi rivolgersi!

Quando deciderà chiamare lo studio, troverà i recapiti nell’area contatti del sito. Per di più, attraverso la mappa, capirà dove è ubicato lo studio.

Per aumentare il numero delle visite sul proprio sito web, si può inserire il link del sito internet all’interno del biglietto da visita, come messaggio personale in whatsapp, come firma in tutte le mail e in Facebook, in modo che anche i pazienti abituali che andranno a scoprire il sito lo racconteranno ai loro amici e conoscenti, soprattutto se al suo interno è contenuto qualcosa di davvero utile per loro.

2) GOOGLE ADWORDS

Molti specialisti si chiedono se sia veramente utile aprire un sito Internet e aspettare che il motore di ricerca posizioni i risultati in alto. Non si può negare: anche se porta ottimi risultati sul medio e lungo termine, è un metodo di difficile applicazione. Per fortuna esiste una scorciatoia: si tratta dello strumento noto come Google Adwords. Di che si tratta?

Si tratta di un annuncio a pagamento e pertanto si pagherà ogni volta che una persona fa clic sul  sito. Quanto costa? Dipende dalla concorrenza e da tanti altri fattori, comunque si parte da qualche centesimo di euro fino ad arrivare a 2-3€. Ma, a parte casi rari di concorrenza, difficilmente si arriverà a pagare quella cifra.

CAMPI DI APPLICAZIONE

Adwords è molto utile nel primo periodo di lancio del sito internet, quando Google deve ancora “digerirlo” per intero ma allo stesso tempo si vogliono comunque avere dei risultati concreti.

Inoltre, viene utilizzato in tutti quei casi in cui la parola chiave sia molto ricercata, come per esempio la specializzazione e il nome di una grande città (es. oculista Milano, dentista Brescia ecc.).

È pressoché inutile invece, per le parole chiave poco ricercate. Se per esempio lo studio si trova in un piccolo paese, inutile investire in Adwords per la parola chiave professione + paese, anche perché è altamente probabile che lei sia l’unico sulla piazza. Pertanto, con Adwords, è meglio spendere qualche soldino sulla grande città.

3) FACEBOOK

Aprendo la pagina dedicata allo studio su Facebook si potrà godere di molti benefici:

-È indicizzata su tutti i motori di ricerca (Google, Bing, Yahoo)

-Non ha un limite ai fans (nel profilo privato si possono aggiungere max.5000 amici);

-Grazie allo strumento Insight si è in grado di targetizzare il pubblico in base alla provenienza geografica, la lingua, il sesso e l’età, indicandoci inoltre i giorni della settimana e gli orari in cui il traffico alla pagina è più o meno intenso. Questo permette di calibrare la comunicazione e ottimizzare la potenzialità di ogni singolo post;

-Dà la possibilità di creare inserzioni con Facebook Ads, una piattaforma altamente performante e poco costosa.

CAMPI DI APPLICAZIONE

La creazione di post in Facebook è fondamentale per essere “ricordati” dalle persone. Il vero segreto sta tutto nel saper coinvolgere gli utenti, magari creando dei quiz, realizzando video che insegnano come utilizzare determinati strumenti oppure semplici post informativi. La cosa davvero interessante è che, per ogni singolo post, siamo noi a  decidere il destinatario. Se si tratta di un oculista ad esempio che ha in mente di proporre il 30% di sconto sulla visita medica alle donne over 60, basterà targetizzare il post in modo che lo vedano solo le donne, di età superiore ai 60 anni e residenti nei paesi limitrofi.

4) NEWSLETTER

La newsletter non è altro che l’invio di email ai clienti. Quindi presuppone la raccolta dei contatti email dei pazienti. Questo sistema dà il vantaggio di essere indipendente da piattaforme gestite da terzi come Facebook e Google.

CAMPI DI APPLICAZIONE

Uno specialista di oculistica iscritto ad una piattaforma di mail marketing come Getreponse o Mailchimp. All’interno della piattaforma inserirà i contatti dei pazienti, creando diverse liste di contatti divise per categoria.Ci si può sbizzarrire in base alle esigenze e dividere le email in base alla patologia, all’età, al sesso, e così via. In base all’interesse specifico della lista, si potrà inviare ai pazienti dei contenuti utili per gestire i loro problemi agli occhi o per prevenire le sintomatologie più comuni. Oltre a contenuti, si potrà inviare anche sconti e promozioni.

5) SMS MARKETING

A differenza della newsletter, l’sms marketing rappresenta la soluzione ideale per proporre sconti, novità o offerte esclusive. Innanzitutto, perché il tasso di ricezione sarà davvero alto (>90%), e in secondo luogo perché l’invio di più sms ha un costo superiore.

CAMPI DI APPLICAZIONE

Raccogliere i numeri di telefono dei pazienti e dei potenziali pazienti, compresi i loro dati personali. Naturalmente bisogna chiedere loro la firma per il consenso al trattamento dei dati come richiesto dalla legge sulla privacy.

I maggiori risultati nel campo dell’sms marketing sono arrivati da un utilizzo creativo dello strumento. Ad esempio  offrire pacchetti esclusivi il giorno del compleanno dei pazienti.

Queste ad oggi sono le cinque strategie che, se usate correttamente, permettono di aumentare in modo vertiginoso il numero dei clienti che entrano nello studio.

Maresa Conte
Marketing

Categorie news

Siamo sempre pronti a darti la nostra consulenza

il nostro team di professionisti è in continua evoluzione per far fronte a tutte le necessità aziendali e/o professionali.

Copyright ©2023 consulentimarketing.com All Rights Reserved Copyright